Concorrenza Sleale

Dal Veneto si apre la questione degli agriturismi, agricampeggi ed aree di sosta

Ci sono tante forme di ospitalità, ognuna declinata in vario modo e molte purtroppo non ancora regolamentate con il rischio di disavventure, disagi o peggio, fornendo servizi scadenti agli ospiti. Il caso riguarda in particolar modo le forme di “turismo alternativo” rispetto agli ufficiali Alberghi e Campeggi. Sono infatti le aree di sosta, gli agricampeggi e gli agrturismi, che non sono sottoposti alle stesse discipline e regolamenti a rappresentare una concorrenza sleale all’interno del panorama turistico italiano.

Solo in Veneto, nell’ultimo anno gli agriturismi sono saliti da ben 1.456 a 1.580 ed anche se in numeri di presenza, hanno riguardato appena del 2,2% rispetto agli hotel, per Federalberghi Veneto, la Proposta di passare dai 30 posti letto a 45 (inizialmente era a 60) per struttura senza dover investire nel recupero delle strutture esistenti provoca storture e concorrenza sleale.

Allo stesso modo occorre investire nelle aree di sosta, nella loro regolarizzazione e negli agricampeggi che non sono ancora sottoposti a tutti i regolamenti dei campeggi e non garantiscono gli stessi standard qualitativi e di professionalità del management.

Ultimi aggiornamenti

In base a quello che hai letto

L’Open Air Protagonista di Casa Italia. Guarda il video

A Casa Italia, programma RAI condotto da Roberta Ammendola si è parlato di vacanze all’aria aperta, con la partecipazione di Alberto Granzotto Presidente FAITA-Federcamping,...

Turismo a Roma: come la città eterna è riuscita ad aumentare arrivi e presenze

Il 2024 è l'anno delle conferme per il Turismo a Roma.La Capitale continua a essere una delle mete turistiche più ambite al mondo. Con...

Aumentano le prenotazioni nei campeggi italiani del Nord Est

Buone notizie per i campeggi italiani: a dispetto del maltempo che ha caratterizzato questo ultimo periodo al nord: aumentano le prenotazioni nei campeggi italiani...