l’Ospitalità accessibile in Rai

Al via il nuovo format per promuovere l'ospitalità accessibile in tutta Italia

L’Ospitalità Accessibile arriva in Rai grazie alla trasmissione “O Anche No… perché la disabilità non va in vacanza”. La prima puntata si è tenuta domenica 18 giugno a partire dalle 10,30 circa e sarà in replica ogni lunedì successivo. In totale saranno 13 le puntate che ci accompagneranno per tutta l’estate fino al 10 settembre con firme autorevoli come Edoardo Raspelli che con “Le pagelle di Edoardo Raspelli”, stabilirà da 1 a 10 quanto sia accessibile un ristorante. Roberto Vitali, già CEO di Village for all V4A® con una lunga esperienza di promozione dell’accessibilità nei campeggi italiani, con “L’Ospitalità Accessibile in pillole”, invece, racconterà di una Italia bella e accessibile dando suggerimenti utili a turisti con esigenze di accessibilità, agli imprenditori turistici su come offrire una ospitalità accessibile con l’obiettivo di fare informazione e cultura per garantire “a ciascuno la sua vacanza!”. Ci sarà poi Guido Marangoni con “Buone notizie secondo Anna e la sua estate con papà Guido Marangoni”. Guido e Anna, la sua bambina con Trisomia 21, racconteranno infatti la loro vita e la loro storia. Antonella Ferrari, presenterà “a Scuola Futuro Lavoro“, una scuola unica che rende possibili le speranze dei ragazzi con Autismo. Grazie a Paola Severini Melograni la conduttrice e autrice che assieme ad Eugenio Giannetta, autore, che hanno voluto una rubrica fissa in tutte le 13 puntate per sensibilizzare sul tema. Qui potete trovare il link della prima puntata.

Ultimi aggiornamenti

In base a quello che hai letto

Tutti in viaggio nessuno escluso

“L’accessibilità non è solo un obiettivo sociale, ma anche economico”. Così Alberto Granzotto, presidente di Faita-Federcamping - che rappresenta l’80% delle imprese del turismo open air...

Decreto informazioni sul lavoro

Su faitastart.it potete trovare la circolare inerente la trasposizione nell’ordinamento italiano della direttiva 2019/1152, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell'Unione europea,...

La lingua dei segni nel turismo: il progetto a Pompei

Da oggi a Oplontis, Stabiae e Boscoreale oltreché a Pompei la lingua dei segni diventa una delle lingue disponibili per le visite all’interno dei...