Come gestire al meglio il manto erboso nei campeggi

L’inverno si è concluso e con i primi caldi servono concimi specifici per il prato in quanto sono di granulo e le piante cominciano a risvegliarsi. Anche il manto erboso nei campeggi comincia a ripartire e come tutte foglie rischiando di bruciarle ma finiscono a terra dove le specie vegetali hanno un forte bisogno di avere un rivestimento specifico del granulo, che risulta denutrito in quanto lo sviluppo aereo richiede elementi nutrienti e termina la lenta cessione per poi durare almeno 2-3 mesi.

Come sviluppare il manto erboso nei campeggi

Per far sviluppare in maniera ottimale e forte il manto erboso nei campeggi prima dell’insediamento dei vostri clienti, è necessario eseguire delle concimazioni a base di fertilizzanti ad alto titolo di azoto a lenta cessione programmata. La lenta cessione aiuta molto la pianta a ricevere la giusta dose giornaliera di elementi nutritivi ed evita tagli troppo frequenti che oltre a portar via tempo riduce anche le possibili insorgenze di malattie. La titolazione corretta dovrebbe avere almeno 20/25 unità di azoto (N).

In generale i fertilizzanti riportano nel sacco la titolazione con tre numeri consecutivi (ad esempio il Fenix First ha 21-5-6) dove il primo numero indica le unità di azoto (N), il secondo di fosforo (P) e il terzo di potassio (K). L’azoto favorisce lo sviluppo aereo, il fosforo lo sviluppo radicale e il potassio favorisce l’inspessimento dei tessuti cellulari riducendo l’evaporazione dell’acqua dalla pianta, aumenta la sopportazione agli stress termici e agli attacchi patogeni. Concimi ad alto titolo di azoto vengono usati in primavera e autunno, quelli ad alto titolo di fosforo in fase di semina e quelli ad alto titolo di potassio in estate e in inverno. 

L’importanza del verde per i campeggi

Come detto in precedenza la primavera detta il risveglio di tutta la flora. Nei campeggi le essenze arboree sono parte integrante dei servizi offerti ai clienti per una vacanza immersi nella natura.
Mai come in questo momento le piante hanno bisogno di nutrienti per potersi sviluppare al meglio.
La maggior parte dei campeggi sono situati nei litorali con presenza di terreni sabbiosi sempre ostici alla vita della gran parte delle essenze arboree a causa della mancanza di sostanza organica e di humus. La sostanza organica è l’insieme dei composti organici presenti nel terreno, di origine sia animale che vegetale. In sintesi i campeggi devono stare molto attenti nella cura del verde, sia esso manto erboso, piante o alberi, sia poiché essi sono circondati dalla natura e quindi, la cura deve essere minuziosa e costante, sia perché proprio grazie ad essa hanno un punto di forza e un vantaggio rispetto alla concorrenza.

Per ulteriori informazioni scarica la guida professionale sulla cura del manto erboso nei campeggi e la manutenzione del verde aziendale nelle Strutture Ricettive all’Aria Aperta.

Ultimi aggiornamenti

In base a quello che hai letto

L’Open Air Protagonista di Casa Italia. Guarda il video

A Casa Italia, programma RAI condotto da Roberta Ammendola si è parlato di vacanze all’aria aperta, con la partecipazione di Alberto Granzotto Presidente FAITA-Federcamping,...

Turismo a Roma: come la città eterna è riuscita ad aumentare arrivi e presenze

Il 2024 è l'anno delle conferme per il Turismo a Roma.La Capitale continua a essere una delle mete turistiche più ambite al mondo. Con...

Aumentano le prenotazioni nei campeggi italiani del Nord Est

Buone notizie per i campeggi italiani: a dispetto del maltempo che ha caratterizzato questo ultimo periodo al nord: aumentano le prenotazioni nei campeggi italiani...