Hospitality Riva: un bilancio per i campeggi

Si è conclusa la manifestazione con la tavola rotonda del turismo Open Air ad Hospitality Riva- Il salone dell'ospitalità

Si è conclusa ad Hospitality Riva il Salone dell’accoglienza, dal 6 al 9 febbraio, la più importante fiera del settore in Trentino, con importanti eventi ed un focus specifico ai campeggi di montagna e di lago. Numerosi gli interventi nella quattro giorni della fiera che ha visto partecipare molti espositori ed imprenditori del mondo del turismo all’aria aperta.

“Non si arresta l’onda  di crescita del turismo all’aria aperta”. Lo conferma il Presidente di Faita-Federcamping, Alberto Granzotto, da Riva del Garda – dove si è svolta la terza giornata di Hospitality – Il Salone dell’Accoglienza -, sulla base dei dati illustrati nell’incontro “Turismo open air in Italia: tendenze e prospettive”, organizzato da FAITA-FederCamping. 

“Il potenziale c’è tutto – prosegue Granzotto – Ma permangono ostacoli sorti durante e dopo la pandemia, primo fra tutti la difficoltà di reperire personale professionale, ‘dirottato’ dal Covid verso altri settori durante i lockdown. Il tema del lavoro e della formazione dei nostri collaboratori sarà un elemento centrale per non sprecare questa occasione di crescita”.

Al momento a livello nazionale, le prenotazioni confermate indicano una crescita del 10-15% del  settore all’aria aperta, per il quale nel 2022 erano stati 10,7 milioni gli arrivi per 73 milioni di presenze con un fatturato complessivo, indotto compreso, di 5,5 miliardi di euro.

“Se il buongiorno si vede dal mattino, il 2023 nasce carico di promesse – dichiara Granzotto – Mentre l’open air conferma il suo primato assoluto in ambito balneare, sono soprattutto il lago e la montagna, a far registrare le performances più incoraggianti, come prova lo studio di settore presentato da Andrea Agazzani di Thrends durante il nostro convegno”. Risultati che, per quest’ultimo cluster, nel 2022 rispetto al 2019, hanno oscillato fra il +10% e il +12%, mentre rispetto al 2021 i fatturati sono aumentati del 20-30%

“Per i campeggi del Trentino i risultati del 2022 sono stati eccellenti – aggiunge Fabio Poletti, Presidente di Faita-Federcamping Trentino – La prospettiva di ulteriore crescita per i 2023 è confermata nell’ordine del 10%. Sul tappeto rimangono alcuni problemi soprattutto di adeguamento del gap tra le diverse strutture che operano nel contesto montano e dei laghi”. Per Roberto Failoni, Assessore al Turismo della Provincia di Trento, “Il turismo all’aria aperta è un settore trainante per il nostro territorio e ne fa fede il sostegno garantito alle strutture trentine dai bandi di qualità promossi dalla Provincia”.

Qui potete trovare il video della tavola rotonda mentre qui potete trovare tutte le interviste e le riprese degli eventi che hanno avuto luogo durante la manifestazione.

Ultimi aggiornamenti

In base a quello che hai letto

L’Open Air per scoprire piccoli comuni e tipicità enogastronomiche

IL SEGRETO DEL MIRACOLO ITALIANO È STATA LA CAPACITÀ DI PRODURREALL’OMBRA DEI CAMPANILI COSE CHE PIACCIONO AL MONDO Carlo M. CIpolla E' così che si apre...

L’importanza delle strutture Open air per i camper

Negli ultimi anni, gli ospiti con veicoli ricreazionali, in particolare camper, sono cresciuti in maniera sensibile in Italia. Questo trend si è accentuato durante...

Si fa presto a dire..glamping

Cosa sia il glamping e come si posizioni sul mercato ne abbiamo parlato più volte.L’esigenza di vivere la natura pur non rinunciando alle comodità...